Verso una riabilitazione basata sulle evidenze.
La ricerca bibliografica fa bene alla salute?
14 . 10 . 2014


Sembra proprio di sì, secondo un articolo pubblicato su Evidence Based Medicine. Un gruppo di lavoro italo-svizzero ha cercato di quantificare l’impatto del sostegno della letteratura scientifica nella diagnosi e nel trattamento di pazienti ricoverati in un reparto di medicina interna dell’ospedale regionale di Lugano. Cosa succede, si sono chiesti i ricercatori, se si effettua una ricerca bibliografica ben fatta per rispondere ai quesiti clinici? Quali le ricadute sull’assistenza? Sono stati formulati quesiti clinici per 201 pazienti, di cui 101 facevano parte del gruppo di intervento e 100 del gruppo di controllo. Il metodo usato per la ricerca bibliografica: il punto di partenza è stato la raccolta delle domande dei medici e la loro riformulazione secondo lo schema PICO (Patient/Population, Intervention, Comparison, Outcome); il medico incaricato della ricerca bibliografica ha...

(...)


In Rilievo


In Rilievo
L’informazione migliora l’appropriatezza

Una serie di articoli sul JAMA Internal Medicine indaga sulle molteplici cause che portano a un uso inappropriato delle risorse in sanitĂ .

Un ruolo chiave è giocato dall’informazione, da quello che si sa e non si sa, si dice e non si dice, sia da parte del personale medico, sia sul fronte dei pazienti.

Per esempio: più i pazienti sono informati su rischi e benefici dell’angioplastica in caso di angina stabile, minori sono le probabilità che accettino di sottoporsi all’intervento. Tuttavia, come evidenzia ...


18 . 12 . 2015