Verso una riabilitazione basata sulle evidenze.
Questioni di metodo
01 . 10 . 2012

(Tratto da Il Pensiero Scientifico Editore)


I metodi di ricerca tradizionali sono sempre meno adeguati a produrre risultati applicabili nella pratica clinica. Piuttosto che cercare di applicare ai singoli casi i risultati delle ricerche e le indicazioni delle linee-guida, occorrerebbe modificare proprio le metodologie di ricerca.

Secondo le autrici di un articolo del New England Journal of Medicine, Sherine Gabriel e Sharon-Lise Normand, la ricerca sugli esiti centrata sui pazienti e la comparative-effectiveness research potrebbero migliorare la possibilità di valutare le diverse opzioni e prendere decisioni.

Come siamo arrivati a questo punto? Ecco come è fotografata la situazione attuale da S Gabriel e SL Normand.

- Multimorbilità sempre più diffusa a causa dell’invecchiamento della popolazione: ciò comporta un aumento delle possibilità di risposte diverse allo stesso trattamento

- Aumento dei trattamenti disponibili per una stessa patologia e delle opzioni per la prevenzione

- Necessità di valutare anche la dimensione economica

- Grandi aspettative riposte nella medicina individualizzata e consistenti investimenti nella ricerca sulle interazioni tra genetica, epigenetica e altre caratteristiche dei singoli individui.

"La combinazione di tutti questi fattori crea...


(...)


Articolo Integrale


In Rilievo


In Rilievo
L’informazione migliora l’appropriatezza

Una serie di articoli sul JAMA Internal Medicine indaga sulle molteplici cause che portano a un uso inappropriato delle risorse in sanità.

Un ruolo chiave è giocato dall’informazione, da quello che si sa e non si sa, si dice e non si dice, sia da parte del personale medico, sia sul fronte dei pazienti.

Per esempio: più i pazienti sono informati su rischi e benefici dell’angioplastica in caso di angina stabile, minori sono le probabilità che accettino di sottoporsi all’intervento. Tuttavia, come evidenzia ...


18 . 12 . 2015