Verso una riabilitazione basata sulle evidenze.
Siamo tutti giornalisti? No!
28 . 12 . 2011

(Tratto da Il Pensiero Scientifico Editore)

"Negli Stati Uniti i repubblicani accusano il vaccino contro l'HPV di causare ritardo mentale." "Dove lo hai letto?" "Online." Ebbene sì, oggi gran parte dell'informazione circola sul web, anche l'informazione sulla salute. Da anni si dibatte sul declino della stampa scritta per la dominanza di internet e dei social media. Stampa a parte, che ne è del giornalismo? Se fino a ieri il giornalismo era associato alla carta stampata, oggi non è più così. Blog, facebook e altri social network danno la possibilità di scrivere e commentare notizie, di scambiarsi opinioni e di raccogliere post, articoli, interviste eccetera eccetera. 

Alcuni sono dell'idea che il giornalismo sia in crisi. Altri non sono di questa idea. Sul blog GigaOM il canadese Mathew Ingram (giornalista esperto dei nuovi media) commenta che "più che antiquato, personalmente penso che il giornalismo sia in pieno sviluppo ed espansione, e questa è una buona notizia. Costruire un legame con i lettori o curare le notizie. Ci sarà sempre bisogno di qualcuno che controlli i fatti e scovi l'errore...". Secondo Ingram i giornali possono pure chiudere, anche i blog, ma il giornalismo ci sarà sempre: "Non più come un'istituzione ma come un atteggiamento mentale, una serie di princìpi e un modo di comportarsi. L'unica differenza è che oggi ci sono molti più modi per farlo." 

Proprio in questa direzione si muove il neonato Master in giornalismo scientifico digitale della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, che si propone di formare professionisti con elevate competenze pratico-teoriche nell'ambito dell'informazione scientifica e biomedica sui nuovi media. 

Il programma del corso prevede un corso di medicina – a cura di Gianna Milano (giornalista e scrittrice) ed Eugenio Santoro (ricercatore biomedico e autore di diversi libri su web e medicina) - dedicato specificamente all’informazione sulla salute: come i social network, podcast, blog...

(...)

Articolo Integrale


In Rilievo


In Rilievo
L’informazione migliora l’appropriatezza

Una serie di articoli sul JAMA Internal Medicine indaga sulle molteplici cause che portano a un uso inappropriato delle risorse in sanità.

Un ruolo chiave è giocato dall’informazione, da quello che si sa e non si sa, si dice e non si dice, sia da parte del personale medico, sia sul fronte dei pazienti.

Per esempio: più i pazienti sono informati su rischi e benefici dell’angioplastica in caso di angina stabile, minori sono le probabilità che accettino di sottoporsi all’intervento. Tuttavia, come evidenzia ...


18 . 12 . 2015