Verso una riabilitazione basata sulle evidenze.
Per te, Alessandro...
03 . 02 . 2012

Ci ha lasciati Alessandro Liberati.
Una figura di riferimento preziosa.
Un amico insostituibile…


Medico e professore universitario. Ha fondato il Centro Cochrane Italiano. Tra "ragione e passione" ha promosso e difeso la medicina basata sulle evidenze e la partecipazione informata dei pazienti nella ricerca. Portando come esempio la sua esperienza di paziente colpito da mieloma multiplo, Alessandro aveva sollecitato di recente in una lettera al Lancet una nuova governance della strategia di ricerca in cui devono essere coinvolte tutte le parti interessate, in primis i malati. 


Ricordiamo Alessandro come una persona ottimista, razionale e ironica. Gli piaceva "scherzare anche sulle cose apparentemente più serie o, per dirla in altro modo, non prendersi mai troppo sul serio". Amava la musica classica e l’Inter. Il suo più grande successo professionale? "Fare quel che faccio, con grande entusiasmo e parecchi sogni ancora da realizzare". 


La dimensione del viaggio: è forse quella che meglio descrive la personalità di Alessandro. A riguardare lettere e mail, a...


(...)


Articolo Integrale 


In Rilievo


In Rilievo
L’informazione migliora l’appropriatezza

Una serie di articoli sul JAMA Internal Medicine indaga sulle molteplici cause che portano a un uso inappropriato delle risorse in sanità.

Un ruolo chiave è giocato dall’informazione, da quello che si sa e non si sa, si dice e non si dice, sia da parte del personale medico, sia sul fronte dei pazienti.

Per esempio: più i pazienti sono informati su rischi e benefici dell’angioplastica in caso di angina stabile, minori sono le probabilità che accettino di sottoporsi all’intervento. Tuttavia, come evidenzia ...


18 . 12 . 2015